Scadenza mud 2021: 16 giugno

Slitta al 16 giugno 2021 la presentazione del Modello unico di dichiarazione ambientale - MUD col quale dovranno essere dichiarati, in via telematica o tramite la PEC, i rifiuti prodotti e gestiti nel 2020. L’adempimento interessa più di 400mila imprese ed enti produttori di rifiuti speciali oltre che tutti gli operatori della filiera dei rifiuti.

Il nuovo modello ripropone le 6 comunicazioni classiche ma presenta alcune novità, rispetto a quello previgente, nelle informazioni da trasmettere e nelle modalità di invio delle comunicazioni. Rimane invariato il corredo di sanzioni previsto per la tardiva, omessa o incompleta dichiarazione.



Il Modello Unico di Dichiarazione ambientale per l’anno 2021 (MUD 2021) è contenuto nel D.P.C.M. del 23 dicembre 2020. Se da un lato non si registrano modifiche relative alla sua struttura - il MUD continua ad essere articolato in 6 comunicazioni - si riscontrano invece alcune novità nelle informazioni da trasmettere e nelle modalità di invio delle comunicazioni.


Continuano, invece, ad essere applicabili le sanzioni per la tardiva, omessa o incompleta dichiarazione.

Il termine per la presentazione del MUD è slittato dal 30 aprile al 16 giugno 2021.

Il Modello Unico di Dichiarazione Ambientale che dovrà essere utilizzato nel 2021 per la dichiarazione relativa ai rifiuti gestiti nel 2020 è quello già utilizzato l’anno scorso ed è articolato in Comunicazioni:

  1. Comunicazione Rifiuti

  2. Comunicazione Veicoli fuori uso

  3. Comunicazione Imballaggi, composta dalla Sezione Consorzi e dalla Sezione Gestori Rifiuti di Imballaggio

  4. Comunicazione Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche

  5. Comunicazione rifiuti urbani, assimilati e raccolti in convenzione

  6. Comunicazione Produttori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche.

Ricordiamo che il MUD deve essere presentato per ogni unità locale, obbligata per legge alla sua presentazione.



14 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti